La migliore vernice per cucine

Se vuoi un modo veloce per cucinare un nuovo look per la tua casa, prendi in considerazione un nuovo strato di vernice per la tua cucina. Le cucine sono spesso il cuore della casa e, di conseguenza, queste stanze vedono molta azione. Tutto, da versamenti, macchie, oli da cucina e odori, può rovinare la finitura delle pareti e dei soffitti della cucina, conferendo alla stanza un aspetto stanco o noioso.

Ravviva la tua cucina scegliendo una nuova tonalità di vernice che durerà, nonostante le difficili esigenze di questo spazio occupato nella tua casa. Dovrai pensare a quale tipo di vernice è la migliore per le cucine e quale finitura durerà più a lungo in una stanza che ha umidità, umidità, oli e forse anche fumo dal lotto occasionale di biscotti bruciati.

Pittura ad olio contro vernice al lattice

Il primo punto da cui iniziare nella ricerca della migliore vernice per cucine è la questione se utilizzare la pittura ad olio o la vernice di lattice. Potresti essere attratto dalla pittura ad olio per la sua durata e la finitura dura come una roccia, che sono chiari vantaggi in una stanza che potrebbe vedere un sacco di fuoriuscite, schizzi e sessioni di lavaggio. Ma le vernici al lattice hanno ridotto drasticamente i composti organici volatili (COV) e hanno fatto molta strada in termini di capacità di pulizia.

Le vernici a base di olio sono considerate autolivellanti, il che significa che vanno lisce e uniformi. Tieni presente che dovrai aspettare un po 'tra una mano e l'altra, fino a 16 ore. Questo può rallentare l'avanzamento del tuo progetto di pittura in cucina. Una volta completato e polimerizzato, tuttavia, la finitura delle vernici a base di olio può essere pulita con sicurezza. Non dovrai preoccuparti di graffiare la vernice o perdere la sua lucentezza mentre rimuovi ogni ultimo pezzo di salsa di spaghetti schizzata o olio da cucina dal muro.

Il rovescio della medaglia è che le vernici a base di olio rilasciano livelli significativi di COV e richiedono di seguire precauzioni speciali in materia di ventilazione e smaltimento delle vernici. Avrai anche bisogno di acquaragia o diluente per pulire schizzi e spazzole o rulli. Qualcos'altro da considerare è il fatto che le resine nelle vernici a base di olio possono essere soggette a ingiallimento, specialmente in aree con scarsa illuminazione o quando esposte ai fumi dell'ammoniaca. Se la tua cucina non ha una grande illuminazione (naturale o artificiale) o se frequenti frequentemente prodotti per la pulizia a base di ammoniaca, potresti voler ripensare se la vernice a base di olio è la scelta giusta per la tua cucina.

La linea di fondo è che le vernici a base di olio richiedono molto lavoro e la finitura di lunga durata potrebbe non valere la seccatura iniziale.

D'altra parte, la vernice al lattice offre livelli molto più bassi e più sicuri di COV che potrebbero farti respirare più facilmente senza preoccuparti di sgrassare in un posto dove stai preparando il cibo. Questo è uno dei maggiori motivi per cui la vernice al lattice è una scelta popolare per le cucine. Sia quando applichi la vernice che nelle settimane successive, apprezzerai i vantaggi di una formula VOC bassa (o assente).

La vernice al lattice si asciuga molto più velocemente della formula più pesante e spessa degli smalti a base di olio. La maggior parte delle vernici al lattice sono asciutte al tatto in circa un'ora e sono pronte per una seconda mano in circa quattro ore (o anche due ore per alcune formule). Ciò significa che puoi completare il tuo progetto di verniciatura della cucina più rapidamente, tieni presente che la vernice al lattice impiega più tempo a curare completamente, fino a 30 giorni, rispetto a soli sette giorni per le vernici a olio.

Quando si tratta di resistenza e pulizia, le vernici al lattice sono un po 'un miscuglio. La flessibilità delle vernici al lattice deriva dai polimeri utilizzati nella formula, che aumenta la resistenza della vernice a screpolature o scheggiature. Ma le vernici al lattice a base d'acqua sono famose per graffiare, sviluppare macchie di usura o perdere la finitura quando vengono pulite. Questa può essere una sfida in cucina, dove potresti avere fuoriuscite impreviste che richiedono una pulizia accurata. Per risolvere questo problema, molti produttori di vernici offrono formule di vernice al lattice "lavabili" o "lavabili". Queste vernici offrono una maggiore durata per consentire di pulire la superficie senza compromettere la finitura della vernice.

Per riassumere, ecco i pro e i contro da tenere a mente quando si decide tra una pittura a base di olio o una vernice di lattice per progetti di cucine. Mentre ognuno ha i suoi vantaggi, la vernice al lattice è generalmente la migliore vernice da usare per le cucine, grazie al basso livello di COV e alle formule di vernice "lavabili" sempre più durature offerte.

Pittura a olio

Professionisti

  • Finitura duratura facile da pulire

  • Applicazione regolare, autolivellante

  • Completamente guarito in circa 7 giorni

Contro

  • Elevata resa VOC anche dopo che la vernice si è asciugata

  • Può ingiallire se esposto ad ammoniaca o in condizioni di scarsa luminosità

  • Difficile da pulire e richiede alcool minerale o diluente per pittura

  • Tempo di asciugatura lungo tra le mani; fino a 16 ore

Vernice a base di lattice

Professionisti

  • Tempo di asciugatura rapido tra le mani; solo 2 ore

  • Non ingiallirà col tempo

  • VOC basso

  • Facile da pulire con acqua e sapone

Contro

  • Tempo di cura lungo

  • Meno resistente per la pulizia e il lavaggio

La migliore finitura per le cucine

La finitura della vernice si riferisce alla lucentezza, o alla sua mancanza, di una vernice. È tecnicamente misurato da quanta luce riflette la vernice, ma nella vita di tutti i giorni, pensala come una vernice sarà brillante una volta che sarà sulle pareti della tua cucina.

Per il fai-da-te: scegli una finitura semi-lucida

La semilucida è la finitura migliore per la vernice da cucina se hai intenzione di dipingere la tua cucina da solo, ed ecco perché. Le cucine possono essere un luogo umido - sia che tu stia cuocendo al vapore le verdure, lavando i piatti o lavando i contatori in modo pulito, c'è molta umidità in cucina. Le vernici semilucide riflettono un po 'di luce e la loro lucentezza minimizza l'aspetto dell'umidità che può trovare la sua strada sulle pareti o su altre superfici verniciate. Le finiture piatte o a bassa lucentezza, come le varietà opache o satinate, hanno più probabilità di apparire macchiate da acqua spruzzata o umidità nell'aria.

Inoltre, una vernice semilucida può resistere a una pulizia più robusta. Le finiture piatte sono già opache e una rapida pulizia può ridurne la finitura e forse anche strofinare il colore dal muro. La vernice semi-lucida, d'altra parte, ha una maggiore quantità di resine rispetto alle particelle di pigmento, che si traduce in una maggiore riflessione della luce e una lucentezza. Tuttavia, il fatto che questa vernice offra solo un po 'di brillantezza lo rende più indulgente quando dipingi le tue pareti.

Per i professionisti: lucida fino in fondo

Se ti stai chiedendo se la vernice lucida renderebbe una vernice da cucina ancora migliore della semilucida, la risposta è forse. Le vernici lucide offrono drammaticità e la stessa durata e lavabilità della vernice semilucida, ma mostrano ogni singola imperfezione. Rientri nel tuo muro ">

Quindi, se vuoi la brillantezza spettacolare e la facile pulizia della vernice lucida per la tua cucina, assicurati che sia fatto fin dall'inizio e assumi un professionista. Tuttavia, evita questa finitura se le tue pareti hanno molte imperfezioni.

Mancia

Se decidi di utilizzare la vernice a base di olio per lavori di rifinitura e la vernice di lattice per le pareti della cucina, assicurati di completare prima la fase in lattice del progetto di verniciatura della cucina. Attendere un sacco di tempo affinché la mano finale di vernice al lattice si asciughi e arieggi prima di verniciare il rivestimento con vernice a base di olio. Altrimenti, si rischia di ingiallire la vernice per finiture a base di olio con i fumi di ammoniaca rilasciati dalla vernice al lattice durante il periodo di sfasamento.

La migliore vernice per soffitti da cucina

Dal momento che non guardi spesso il soffitto, in genere puoi scegliere una mano di vernice opaca economica per il tuo soffitto, ma questa non è la scelta migliore quando scegli la vernice per i soffitti della cucina. È un'idea migliore per abbinare la lucentezza delle pareti quando si dipinge il soffitto della cucina. Questo per due motivi.

  1. La vernice opaca sul soffitto della cucina mostrerà più facilmente umidità e macchie. La cucina può essere a volte una stanza umida o persino bagnata. Quando il vapore sale, può condensarsi sul soffitto lasciando macchie di umidità e possibilmente macchiando il soffitto se si utilizza la vernice opaca. Questa è una grande ragione per usare la vernice semilucida o lucida per il soffitto. Farà un lavoro migliore nascondendo l'umidità e non mostrerà punti. E, in caso di catastrofe in cucina (salsa di spaghetti che esplode, pollo arrosto in fumo), sarà più facile strofinare la vernice per rimuovere eventuali macchie senza rovinare la finitura.
  2. Fai un favore estetico alla tua cucina e usa la lucentezza delle pareti della tua cucina (semilucida o lucida) come finitura della vernice del soffitto della cucina. Mentre l'occhio viaggia sul muro, la finitura del soffitto non resisterà in netto contrasto con le pareti che riflettono la luce. Inoltre, un soffitto da cucina semilucido o lucido rifletterà più luce e manterrà lo spazio più luminoso.