Come smettere di procrastinare in questo momento

Gli umani hanno sempre capito che quelli che in qualche modo riescono a evitare la procrastinazione ottengono di più. Si dice che Alessandro Magno abbia attribuito il suo successo militare alla sua abitudine di "non rimandare mai nulla". Eppure, per la maggior parte di noi - che vogliono solo svolgere il proprio lavoro, pulire e organizzare la propria casa, non conquistare l'Asia - la tentazione di rimandare le cose è sempre presente. Ma per quanto forte possa essere l'impulso di procrastinare, non deve controllare la tua vita. Lo sviluppo di alcune nuove abitudini e l'adozione di alcuni piccoli cambiamenti in prospettiva possono aiutarti a smettere di procrastinare per sempre.

Perché la procrastinazione è dannosa ">

Molte persone riconoscono quel senso strisciante di terrore e vergogna quando hanno evitato un compito per troppo tempo e la sua scadenza si sta avvicinando rapidamente. Non è solo che sei impreparato, ma che senti che l'impreparazione è tutta colpa tua.

La procrastinazione può avere conseguenze negative oltre a farci sentire male con noi stessi. Risulta che sottrarsi alle tue responsabilità fino a quando l'ultimo momento possibile può essere distruttivo per le tue finanze e la tua salute mentale. Gli studi suggeriscono che le distrazioni sul posto di lavoro potrebbero costare all'economia centinaia di miliardi di dollari e che le decisioni basate sulla procrastinazione come la mancata presentazione delle tasse in modo tempestivo possono costare centinaia di dollari alle persone. Nel tempo, la procrastinazione è stata trovata per causare stress e malattie.

Perché essere produttivi

Che aspetto ha la vita per qualcuno che non procrastina? Per prima cosa, i non procrastinatori sanno quali compiti dovrebbero avere la priorità; questa è considerata una delle abitudini delle persone superproduttive. Non solo i non procrastinatori possono facilmente identificare quali compiti dovrebbero venire per primi, ma lavorano anche per svolgere tali compiti nell'ordine giusto e in modo tempestivo. Usano routine e strumenti, se necessario, per organizzare le loro case, vite e programmi in modo da poter fare ciò che deve essere fatto quando deve essere fatto. Riescono a gestire il proprio tempo per ridurre al minimo le ore trascorse a preoccuparsene, a "pianificare" in modo inefficiente o altrimenti a evitare di fare ciò che devono fare.

Le persone che non procrastinano non si divertono necessariamente a fare tutto sulle loro liste di cose da fare, ma hanno capito che fare le cose con il minor ritardo possibile si sente meglio e alla fine causa loro meno problemi.

Suggerimenti per interrompere la procrastinazione

La procrastinazione è molto comune, motivo per cui quelli che apparentemente sono nati senza una propensione a procrastinare sporgono in mezzo alla folla. Può anche sembrare che il rilassamento sia solo una parte della tua personalità, qualcosa che non puoi combattere. Alcuni studi hanno indicato un legame tra procrastinazione e impulsività e hanno scoperto che entrambi i tratti sono moderatamente ereditabili. Ma ciò non significa che non puoi migliorare le tue abitudini. Ecco alcuni dei molti trucchi pratici che puoi incorporare nella tua vita per fare le cose in tempo.

  • Sviluppa una routine quotidiana. Conoscere quali compiti devi svolgere ogni giorno, e determinare l'ordine ottimale in cui svolgerli, riduci il tempo perso e toglie molte congetture dalla tua vita. Aiuta a mantenere le faccende banali come la pulizia e il rendere il tuo pranzo impedendo i tuoi progressi in compiti più grandi e urgenti. Seguire una routine quotidiana o settimanale significa che hai meno scelte inutili da fare ogni giorno e meno spazio per procrastinare le tendenze a insinuarsi.
  • Prenditi cura di compiti semplici ora. È un cliché che, per esempio, quando uno studente deve scrivere un documento, improvvisamente diventa molto entusiasta di pulire la sua stanza. Ma quel cliché è un vero problema, e succede quando non si tiene il passo regolarmente con la pulizia e l'organizzazione a casa o al lavoro. Puoi pensare a questo come ad affrontare prima la procrastinazione al livello più piccolo. Basta poco o niente forza di volontà per aprire le tue lettere, ordinare la posta e buttare via la posta indesiderata ogni giorno (è il tipo di azione insensata che puoi aggiungere alla tua routine quotidiana o settimanale). Una volta presa l'abitudine di farlo, non ci sarà mai un'enorme pila di posta in attesa che tu possa smistare nel momento esatto in cui dovresti lavorare su quel foglio.
  • Suddividi progetti di grandi dimensioni in progetti più piccoli. Spesso, la procrastinazione attacca quando un progetto sembra troppo scoraggiante. Potrebbe essere un progetto molto difficile (ad esempio un documento su un argomento che non capisci) o semplicemente un progetto grande o noioso (ad esempio un lungo documento su un argomento che ti annoia). Per evitare ciò, non dire che scriverai il tuo giornale venerdì, il giorno previsto. Invece, pianifica di rivedere il materiale di base lunedì, scrivi una bozza martedì, scrivi una bozza mercoledì, rivedi quella bozza giovedì e poi ricontrolla il tuo lavoro venerdì prima di inviare il documento. Pianifica il "compito" di ogni giorno usando il tuo calendario o il metodo che preferisci. In caso di dubbi, assumere qualsiasi attività richiederà più tempo anziché meno. E prendi in considerazione il concetto di "debito di idea": se passerai il tempo a pensare o a preoccuparti di scrivere il tuo articolo, potresti anche usare quel tempo per scriverlo.
  • Permettiti di "procrastinare in modo produttivo". Puoi lasciarti rimandare fino a un certo punto se procrastini facendo qualcos'altro che deve veramente essere fatto. Se devi scrivere un documento per una lezione e leggere un libro per un'altra, e non senti davvero il documento in questo momento, vai avanti e lavora prima sulla lettura. Ovviamente, non vuoi evitare completamente di scrivere il foglio, ma quando ti dai un po 'di flessibilità - assicurandoti di avere il tempo di farlo senza rimanere indietro - potresti scoprire che i tuoi compiti più onerosi iniziano a sembrare meno terribili. Questo trucco non è per tutti; alcuni lo troveranno utile, ma altri lo troveranno un pendio scivoloso. Per stare al sicuro, limitare le indennità a compiti all'interno della stessa categoria: rimandare il lavoro facendo altro, ugualmente importante, ma non rimandare il lavoro con la pulizia o lo shopping.
  • Premiati. Concediti dei premi per lavorare su ciò che altrimenti rimandavi. Se riesci ad essere maturo, puoi premiarti in vari modi. Uno è prometterti che se lavori fino a una certa ora del giorno, puoi rilassarti e fare qualcosa di divertente. Un altro è quello di alternare tratti di lavoro con tratti di divertimento (o attività senza cervello come la pulizia in brevi scatti). Ad esempio, due ore di scrittura su carta, quindi mezz'ora di TV, quindi ripetere. Puoi anche rendere il lavoro più piacevole aggiungendo un trattamento simultaneo come l'acquisto del tuo caffè ghiacciato preferito da bere mentre — e solo mentre — scrivi il tuo giornale. Per ottenere il massimo da questo metodo, devi davvero conoscere te stesso ed essere onesto o finirai con tutti i premi e nessun progresso.
  • Evita le distrazioni. In un mondo di meme Twitter, Facebook, Instagram e Internet, è fin troppo facile distrarsi per ore alla volta. Se sai che stai per sederti e lavorare su un grande progetto, metti il ​​telefono in un'altra stanza, trasformalo in modalità "non disturbare" o in modalità aereo o consegnalo a un amico fino a quando non finisci quello che stai lavorandoci.
  • Approfitta di app, pianificatori e timer. Molte persone dipendono da strumenti come app, pianificatori e timer per mantenere le loro menti procrastinanti sulla buona strada. Uno dei più noti è la tecnica Pomodoro, che utilizza un timer speciale per dividere la giornata in brevi intervalli di lavoro e riposo. Puoi anche impostare un semplice timer da cucina o una sveglia sul telefono per concederti un orario prestabilito durante il quale non farai altro che lavorare. Uno strumento molto vecchio stile è un semplice calendario, anche se puoi ottenere la fantasia che vuoi con i calendari e le app online. Pianificare tutto ciò che devi fare in un calendario o in un planner ti aiuta a vedere visivamente il tuo carico di lavoro e combatte il tipo di procrastinazione che comporta mantenere la tua mente confusa quando esattamente devi fare cosa. Con gli strumenti, tieni presente che dovrebbero semplificarti le cose. Se collegare le tue attività quotidiane in un'app sta aggiungendo più lavoro alla tua giornata, ciò non contribuirà alla tua produttività.
  • Trova il tempo per divertirti. Potresti procrastinare perché cerchi di lavorare, lavorare, lavorare sempre. Trova il tempo nel tuo programma per i tuoi hobby, le cose che ami fare. Se non ti prendi mai una pausa, potresti essere più incline a procrastinare perché non stai rifornendo la tua energia.

Capire perché procrastinare

Quando stai lavorando per porre fine a un'abitudine di procrastinazione, è importante sapere perché stai rimandando le attività in primo luogo. Puoi leggere tutti i suggerimenti nel libro anti-procrastinazione (e ci sono migliaia di tali libri) ma fino a quando non capirai la tua situazione individuale non sarai in grado di applicarli alla tua vita.

  • Forse rimandare facendo compiti quando li trovi noiosi. In tal caso, concederti una ricompensa al termine dell'attività potrebbe aiutarti a completare.
  • O forse trascuri il lavoro quando sei facilmente distratto dal tuo telefono o dai social media e impostare un timer per bloccare blocchi di 25 minuti di tempo di solo lavoro è la tua soluzione.
  • Se eviti di lavorare solo quando l'attività sembra travolgente o intimidatoria, suddividerla in passaggi più piccoli potrebbe aiutarti.
  • Se hai semplicemente un pessimo senso di quanto tempo impiegherà un'attività o di quanto lavoro è effettivamente coinvolto, pianificare i tuoi giorni, settimane e mesi molto prima del tempo e usare un pianificatore che divide il giorno in incrementi di un'ora può aiutarti a mappare un programma senza procrastinazione.

Quando la procrastinazione non è il problema

A volte, una seria avversione per fare le cose non è un'abitudine di procrastinazione ma un sintomo di un altro problema. Forse non sei in realtà un lavoratore pigro per natura, ma il tuo attuale lavoro o ambiente di lavoro non è adatto a te. Forse non riesci a svolgere determinati compiti perché non stai dormendo abbastanza bene o hai un problema di salute non diagnosticato che sta consumando la tua energia. Forse hai fatto molto, ma alcune attività si perdono sempre nel processo: potresti provare a mettere troppe cose da fare nella tua giornata? Chiediti se continueresti a procrastinare se amavi il tuo lavoro, ti sentissi sveglio al mattino o avessi meno attività stipate nel tuo programma. La tua risposta potrebbe rivelare cosa devi fare dopo per agire.