Progettazione del paesaggio per principianti

Robin Smith / Fotolibreria / Getty Images

La "progettazione del paesaggio" sembra piuttosto imponente. A dire il vero, si potrebbero passare anni a studiare tutte le idee in questo campo. Ma che dire del fai-da-te che vuole rinnovare un cortile o desidera armeggiare con la progettazione di un giardino "> cortile?

Quindi potresti trarre vantaggio da uno sguardo diretto alle idee alla base della progettazione di un giardino, integrato con guide pratiche al progetto. Cominciamo con il primo:

Progettazione del paesaggio spiegata attraverso le immagini

Vi siete mai chiesti quali sono i segreti alla base dell'arte magica del paesaggista? Bene, la risorsa collegata sopra traduce quella "magia", rendendola comprensibile per il fai-da-te. Studia queste foto che illustrano le idee di progettazione del paesaggio e scopri i concetti che i professionisti impiegano.

Progetti di architettura del paesaggio in immagini

O forse preferiresti saltare i concetti e arrivare fino ad alcuni progetti che abbelliranno il tuo cortile? Le seguenti risorse ti permetteranno di fare proprio questo, fornendo istruzioni precise e molte immagini:

  • Come costruire fontane da giardino
  • Come costruire giardini rocciosi
  • Come piantare aiuole
  • Come piantare siepi

Comprensione del linguaggio della progettazione del paesaggio

Ogni volta che metti insieme qualcosa da solo, sei impegnato nella progettazione, tuttavia, umili il progetto. A volte diamo per scontate le nostre capacità progettuali, perché ciò che stiamo mettendo insieme è così banale per noi che non siamo più consapevoli del processo di progettazione. Ad esempio, stai impiegando tecniche di progettazione quando componi una lettera da inviare a qualcuno. I tuoi "elementi" di base per svolgere tale compito includono il vocabolario, l'ortografia e la grammatica. Elementi un po 'più complessi, o "principi", si basano direttamente sugli elementi di base. I principi per la scrittura di lettere comprendono la trasmissione chiara delle idee e il manifestarsi come un individuo cortese e intelligente. Il tuo successo con questi principi determinerà in gran parte se la tua lettera raggiunge o meno il suo obiettivo finale.

E così è per la progettazione del paesaggio. I fai-da-te devono prima imparare gli elementi base di progettazione che sono alla base della disciplina della progettazione del paesaggio. Questi elementi fondamentali serviranno quindi come elementi di base per l'apprendimento e l'attuazione dei principi più avanzati per la progettazione di un giardino nel cortile. Questi principi provati e veri sono i cardini dei giardini perfetti del mondo.

Gli elementi base della progettazione del paesaggio sono:

  • Colore, come definito dalla teoria dei colori.
  • Modulo.
  • Linea.
  • Scala.
  • Struttura.

Questi cinque elementi devono essere considerati nel progettare sia il paesaggio duro che il softscape della tua proprietà, quest'ultimo costituito principalmente da giardini, prati, arbusti e alberi. Discuto la forma, la linea e la trama in questo articolo. Spiego l'uso del colore nel mio articolo sulla teoria del colore. Per quanto riguarda la scala, è semplicemente la dimensione di un componente rispetto ai componenti adiacenti.

Potresti chiederti quali termini apparentemente astratti come "forma" hanno a che fare con la progettazione del paesaggio del cortile. Dopotutto potresti obiettare che non stai dipingendo un paesaggio; stai solo mettendo le piante nel terreno. Eppure non è un caso che la progettazione paesaggistica del cortile condivida un po 'di terminologia con il mondo dell'arte. Il cortile è la tua tela; le tue capacità di progettazione del paesaggio determineranno la bellezza dell'immagine risultante.

L'elemento di forma è definito come la forma di una pianta e la struttura del suo modello di ramificazione. Per un'immagine che illustra la forma, vedere la pagina 1. Gli alberi sono disponibili in molte forme (specialmente se potati), comprese le colonne e le forme globulari. Allo stesso modo, le forme degli alberi spaziano strutturalmente dall'avere i rami rigidi dei pioppi lombardi alla qualità cadente di un salice piangente. Anche la forma dei singoli componenti di un impianto deve essere considerata. Ad esempio, la forma fogliare di un tipo di albero può essere molto diversa da quella di un altro tipo di albero. Le dimensioni relative delle foglie, nel frattempo, aiutano a determinare la struttura delle piante (vedi foto).

Poiché la trama è principalmente una questione visiva nella progettazione del paesaggio, spesso facciamo affidamento sulla dimensione relativa delle foglie di una pianta per trarre conclusioni sulla sua trama percepita. Sì, la trama delle piante è altamente relativa: si riferisce a come viene percepita la superficie dell'oggetto, rispetto agli oggetti circostanti. Pertanto, la trama di una pianta da lettiera, ad esempio, potrebbe essere considerata più o meno grossolana di quella di una pianta adiacente, a causa delle differenze nelle dimensioni delle foglie.

La linea si riferisce al fatto che il movimento o il flusso dell'occhio dell'osservatore può essere regolato dalla disposizione delle piante e dei loro bordi. Il movimento degli occhi è inconsciamente influenzato dal modo in cui i raggruppamenti di piante si adattano o scorrono insieme, sia sul piano orizzontale che su quello verticale.

Basta con gli elementi di base, dici? Bene: passiamo ai principi che applicherai alla progettazione del paesaggio del tuo cortile. Perché l'applicazione efficace di questi principi nel proprio cortile può aumentare significativamente il valore del tuo immobile.

Con gli elementi di base definiti, è tempo di metterli in pratica. Nel pianificare una progettazione del paesaggio è necessario lavorare con i "principi" che derivano direttamente dagli elementi di base. L'efficacia con cui applichi questi principi determinerà l'impatto del tuo paesaggio sull'osservatore, che tu sia o un potenziale acquirente.

Poiché questa introduzione alla progettazione del paesaggio del cortile è intesa come una guida pratica, l'obiettivo non è quello di fornire definizioni astratte, ma esempi che il fai-da-te può implementare immediatamente in un progetto del paesaggio del cortile.

Tre principi di progettazione del giardino si applicano alla "sensazione" generale del paesaggio: vale a dire, proporzione, transizione e unità. Le piante del paesaggio dovrebbero essere sistemate in modo da conformarsi a questi principi. La proporzione è la sensazione che la dimensione dei singoli componenti (le piante del paesaggio) o dei gruppi di componenti in un paesaggio sia coerente con il paesaggio nel suo insieme. In altre parole, l'idea alla base della proporzione è molto simile a quella dietro l'elemento base, la scala . Ma la differenza è che, mentre "scala" è un termine neutro, "proporzione" si basa sul presupposto che qualcosa è "in proporzione" o "sproporzionato". Un disegno da giardino sproporzionato è rovinato da improvvise transizioni o dalla mancanza di transizione. Ad esempio, un muro di pietra alto un metro e mezzo potrebbe scatenare elegantemente una grande casa ma renderebbe una casa piccola ancora più piccola. Il paesaggio di quest'ultimo soffre di una mancanza di transizione: l'altezza del muro è troppo vicina a quella della casa. La transizione, in poche parole, si riferisce al cambiamento graduale.

Conformarsi a un senso di proporzione è, a sua volta, una caratteristica di un progetto di paesaggio o giardino che esibisce unità. L'unità, o "armonia", è stata raggiunta quando lo spettatore sente che tutte le piante del paesaggio in un disegno del giardino si completano a vicenda e sono state scelte con un tema sovrastante in mente. Il posizionamento delle piante del paesaggio in modo ponderato rispetto alla loro forma è un metodo per promuovere un'atmosfera unificata. Ad esempio, i piccoli alberi che fiancheggiano un vialetto o un ingresso dovrebbero avere la stessa forma. La ripetizione promuove anche l'unità. Come tutte le cose buone, tuttavia, l'unità può essere spinta troppo lontano. Introduci una certa varietà o "contrasto" anche in un paesaggio. Un modo è attraverso l'uso di piante del paesaggio che variano nella consistenza . L'elemento, la trama, è abbastanza sottile da poter essere impiegato per iniettare varietà in un disegno da giardino senza distruggere l'unità.

La prossima triade di principi per la progettazione del paesaggio domestico, come la proporzione, la transizione e l'unità, sono correlati: vale a dire, ritmo, equilibrio e focalizzazione. Tutti riguardano il controllo del movimento dell'occhio di uno spettatore. Il ritmo, in generale, è la ripetizione modellata di un motivo. Nella progettazione del tuo paesaggio domestico, il motivo potrebbe consistere nelle piante paesaggistiche utilizzate, ad esempio. Le piante paesaggistiche di un tipo potrebbero essere piantate in fila o siepe, incanalando efficacemente lo sguardo dello spettatore in una direzione, piuttosto che in un'altra. L'elemento essenziale qui è la linea, poiché nulla controlla il movimento degli occhi più facilmente di una linea retta.

L'obiettivo di utilizzare un tale motivo è quello di dirigere il movimento oculare, inconsciamente, in un modo che favorisca maggiormente la progettazione del paesaggio domestico in questione. Ad esempio, forse la situazione della tua terra ha il potenziale per una vista magnifica, ma il tuo attuale design del paesaggio domestico non ne sfrutta appieno. O forse hai un pezzo di statuaria nel tuo cortile che vuoi sfoggiare. Ma se il tuo cortile è pieno di altri oggetti interessanti, potrebbe essere troppo "occupato" perché quell'oggetto riceva sufficiente attenzione. Questi e altri problemi del ritmo possono essere risolti attraverso la comprensione dell'equilibrio e della focalizzazione.

L'equilibrio si riferisce alla coerenza dell'attrazione visiva e si applica a tutti e cinque gli elementi di base: coerenza con la forma, con la trama, ecc. Comprendere l'equilibrio è, a sua volta, importante per la comprensione della focalizzazione. La focalizzazione è la forzatura della prospettiva dello spettatore su un punto focale. Mentre può essere raggiunto con vari mezzi, una focalizzazione più intensa viene creata attraverso l'uso di disposizioni equilibrate e coerenti di elementi.

Ritorniamo, quindi, ai due problemi della progettazione del paesaggio domestico introiettati sopra. Il primo è un problema di inquadratura e può essere risolto usando linee rette e audaci. Nella foto a pagina 3, ad esempio, un muro serve a questo scopo (potrebbe essere stata usata anche una fila di alberi). Il secondo, un problema di attirare l'attenzione su un componente in un cortile occupato, potrebbe essere risolto riducendo il disordine, optando invece per uno stile minimalista; e attraverso l'uso del colore o della linea . La statua potrebbe essere circondata di colore che indirizzerebbe inconsciamente l'occhio dello spettatore (focalizzazione) verso quell'area. L'uso di piante da giardino con fiori che sono rossi o gialli in massa farebbe bene il trucco. Quindi sarebbe un uso appropriato della linea. Ad esempio, un percorso rettilineo di pietre per lastricati che porta alla statuaria o piante da letto disposte in modo da formare un bordo dritto che focalizzerà lo sguardo dello spettatore nella direzione prevista.

Dalla discussione che precede si vedrà che i principi della progettazione del paesaggio domestico non si riferiscono a nulla di più etereo che semplicemente organizzare le piante del paesaggio selezionate in combinazioni che rivelano un piano ben ragionato. Pur non fingendo di essere una discussione esaustiva, gli esempi di cui sopra dovrebbero comunque servire a placare le paure del fai-da-te secondo cui la progettazione del paesaggio domestico è la provincia esclusiva dei maghi con poteri insondabili. La progettazione del paesaggio domestico è la provincia non della magia, ma della pianificazione, della risoluzione dei problemi e di un approccio "di principio".